Sabato sera, con qualche giorno di anticipo, è stato festeggiato, presso l’agriturismo Colonos a Villacaccia di Lestizza, non in Carnia, l’ottantesimo compleanno del poeta carnico ed ormai un po’ zurighese Leo Zanier, che si è anche trasformato in momento di incontro conviviale.
Non descrivo qui la serata, interessante e bella, perché musica e poesia non possono esser affidati ad un gelido reseconto.

Il romano, veneto,  cosmopolita Francesco Cecchini, il giorno prima, mi aveva chiesto cosa pensassi della poesia di Leo Zanier. Gli avevo risposto che la conosco, che ne apprezzo i contenuti ed il sentire, che mi ricordo come il poeta, comunista, avesse avuto difficoltà a pubblicare qui le sue poesie, ed avevo aggiunto che non tutto Leo Zanier mi piace.
Ho pure scritto a Cecchini che è molto difficile, per chi non conosce il friulano, leggere Zanier in lingua originale, perché scrive nella parlata carnica di Comeglians, ma che in certi casi le traduzioni possono essere discutibili ( e questo non vale solo per Leonardo Zanier).

Per esempio “Sboradura e sanc” venne tradotto, nell’edizione Guaraldi del 1981 e successivamente: “Seme e sangue”. Ma come si fa? – mi chiedo io – a non sapere il significato di “Sborrare” e “Sborratura” (in italiano con doppia “r” in veneto con una “r” sola)?
Contaminazione cattolica, da Tertulliano e dintorni, nella traduzione, ignoranza, o che? E come ha fatto Leo ad accettare simile traduzione?
Carnici, veneti, italiani, sanno che “sboradura” e “sboro” significano sperma non seme, e che seme e sperma non sono sinonimi, e che “sborare” significa eiaculare.
La traduzione di detto termine con “seme” va a mio avviso a discapito della comprensione della poesia, perché, secondo me, “sboradura e sanc” parafrasa “lacrime e sangue”, che figurativamente, preceduto talvolta dal verbo “sputare”,  rappresenta la fatica: qui la fatica dell’emigrazione, del lavoro, del vivere all’estero. Almeno io ho capito così.
“Sboradura” e “sanc” sono due parole di forte impatto emotivo, saggiamente unite, e a me hanno trasmesso questa sensazione di fatica del vivere, per guadagnarsi il pane.

۞

Ho scelto quindi alcune poesie per Francesco, per chiarire cosa mi piacesse di Zanier.
La prima è quella dedicata a Tranquillo De Caneva, il commissario e poi comandante garibaldino Ape, lavoratore in miniera, poi sindacalista e consigliere regionale, uomo di rigore che osò firmare un paio di denunce contro partigiani traditori. La poesia si trova su una lapide in memoria, posta nel comune di Lauco, e non so se sia mai stata pubblicata, ed è stata da me tradotta con l’aiuto di mio marito e di Giacomo Cimenti.

A TRANQUILLO DE CANEVA

Âf ma pignau
Cêt ma saeta
Cjaniva cença gâters,
voji sença cjermins
vorelas par to int,
das vals di lauc
tal mont
par ducj
a sfendi trois
fasint dai mistirs
il plui trement
inventâ ubidint
e nô ta tô val
vué e pai timps a vigni
nô tiei paisans
tiei fradis, tô sôrs
tiei compagns
t’impensin e onorin
onorant cun tè
il vivi e il scombati
di ducj i cjargneji.
Ape ma poiana/ tranquillo ma saetta/ cantina senza inferriate/ occhi senza confini/ orecchie per la tua gente, / dalle valli di Lauco/  nel mondo/ per tutti/  ad aprire sentieri/facendo, fra i mestieri, / il più tremendo/ inventare ubbidendo/ E noi nella tua valle/ oggi/ e per i tempi a venire/  noi tuoi paesani/  tuoi fratelli, tue sorelle/ tuoi compagni/ ti ricordiamo ed onoriamo/ onorando con te/ il vivere ed il battagliare/  di tutti i carnici.

Lauc, 23 gjugn 1984        Leonardo Zanier

Qui Leonardo Zanier gioca sapientemente con nomi, parole, significati, in contrapposizione.
Âf, fa riferimento al nome di battaglia di Tranquillo De Caneva, “Ape”. De Caneva era “Ape” ma nella realtà era una poiana, era Tranquillo, ma nella realtà era una saetta, era “De Caneva”, ma la sua era una caneva, cioè cantina, senza inferriate, a dimostrare la sua apertura al mondo. Inoltre era “compagno” di lavoro, lotte e comunista.

۞

La seconda poesia, scelta è:  “HAN ROBÂT COPÂT.”

HAN ROBÂT COPÂT…

las veras pa PATRIA                                                                 
no ses han tornadas                                                                                               

né i cancei                                                                        
las ringhieras                                                                                                   
(fintramai las filiadas)                                                                                         
seadas a ôr dal mûr                                                                                              
par ordin dal duce e dal re                                                                                 
par fâ l’IMPERO                                                                                                  

né i cjaldîrs                                                                       
las cogumas                                                                                                      
las frisorias                                                                                                     
e i cops di ram                                                                                                    
puartâts vaint                                                                                                   
e jodûts a sbusâ                                                                                                  
sgomberâ 
trai ‘tar un grum                                                                                                  
su la plaza                                                                                                        
pa VITTORIA                                                                                                      

né las piôras                                                                         
tratas four dal cjôt                                                                                             
dopo vê viert                                                                                                      
a sclopetadas la puarta                                                                                  
e cuetas interias                                                                                                 
dai nazi-cosacs                                                                                                   
‘tas cjalderias dal formadi                                                                             
par RAPPRESAGLIA                                                                                    

né las gjalinas                                                                                                    
las vacjas                                                                                                         
requisidas (robadas)                                                                                       
dai nazi-todescs                                                                                                
e dai republichins nostrans                                                                         
par fan e par fâ dam                                                                                       
…cence contâ                                                                                                    
i oms picjâts                                                                                                      
torturâts depuartâts                                                                                       
i paîs brusâts                                                                                                    
…                                                                                                                             
nissun s’impensie?                                                                                         

S’impensais però                                                                                            
dai partigjans:                                                                                                  
“…han robât                                                                                                    
copât…”                                                                                                        
ma cui erino?                                                                                                   
Gori, Carlo e Santina dal Negro                                                              
Min da Tea                                                                                                   
Madio di agna Miuta                                                                                  
Tilio da Rigulât                                                                                              
i fis di Esterina                                                                                               
Berto di Paschina                                                                                        
Cragnul Anastâs di Zuviel                                                                        
Barbacet Mario di Cjampiei                                                                     

Centenârs e centenârs                                                                               
di cjargnei                                                                                                     
miârs di fantats                                                                                               

la vuesta mularia                                                                                          
la nesta zoventût.                                                                                           

 

HANNO RUBATO AMMAZZATO…

le vere: per la PATRIA/  non ve le hanno restituite/ né i cancelli/  le ringhiere/ (perfino le reti metalliche)/ segate a filo del muro/  per ordine del duce e del re/ per fare l’IMPERO/ né i secchi/ i bricchi/ le padelle/ i mestoli di rame/ portati piangendo/ e visti bucare/ sgomberare/  sbattere in un mucchio/ sulla piazza/  per la VITTORIA/ né le pecore/  strappate fuori dalla stalla/ dopo aver aperto/ la porta a fucilate/  e cotte intiere/ dai nazi-cosacchi / nelle caldaie del formaggio/  per RAPPRESAGLIA/ né le galline/ i maiali/  le vacche/  requisite (rubate)/  dai nazi-tedeschi/ e dai repubblichini, nostrani, / per fame e per danno/  … senza contare/  gli uomini impiccati/  torturati, deportati/ i paesi bruciati/  … /  nessuno si ricorda?/

Vi ricordate però/  dei partigiani:/  “hanno rubato/ ammazzato …” / ma chi erano?/ Gori, Carlo e Santina Dal Negro/  Min di Tea/  Madio di zia Miuta/  Attilio da Rigolato/  i figli di Esterina/  Berto di Paschina/ Anastasio Cragnul da Zovello/  Barbacetto Mario da Cjampiei/  … /  Centinaia e centinaia/ di carnici,/ migliaia di ragazzi/ i vostri figli/  i nostri giovani.

LEONARDO ZANIER  ( Leonardo Zanier, Che Diaz …us meriti, Circolo Culturale Colavini Aiello, 1976, pp. 62-63).

 ۞

 Per dialogare, in quattro righe,  con Francesco su Leo  Zanier  poeta, ho scelto ancora:

PROJEKT FÜR EINEN GRABSTEIN AL PASS DI MONT DI CROS.

JOSEPH Schneider von Mauthen                                                             
Ch’a ven a stai sartôr                                                                          
e BEPO di Lanudesc muradôr                                                                 
ex emigrant in Austria                                                                        
si son sbugjelâts                                                                                
sul Fraikofel                                                                                    
cjocs                                                                                           
par difindi la patria.                                                                           

che DIAZ … us al meriti.

LEOARDO ZANIER

(Leonardo Zanier, Che Diaz, op. cit., p. 40).

PROGETTO PER UNA LAPIDE AL PASSO DI MONTE CROCE CARNICO .

JOSEPH Schneider da Mauthen/ Che faceva il sarto/ e Bepo di Lanudesc, muratore, / ex emigrante in Austria/ si sono sbudellati/ sul Fraikofel/ sbronzi/ per difendere la patria. che DIAZ … gliene renda merito.

LEOARDO ZANIER (Leonardo Zanier, Che Diaz, op. cit., p. 40).

Joseph e Bepo hanno lo stesso nome anche se scritto in diverse lingue. Schneider è cognome presente a Mauthen paese in territorio austriaco, come a Sauris, paese in territorio italiano ove si parla un dialetto tedesco. Molti carnici, nel 1700, emigravano per fare i sarti, e quindi nessuno sa se Joseph Schneider fosse stato uno di questi fermatosi là o il ceppo originale della sua famiglia fosse di Mauthen, comunque al momento della guerra era austriaco. Bepo era di Lanudesc, località carnica con nome di derivazione tedesca, ed era stato a fare il muratore in Austria, come molti carnici prima della prima guerra mondiale, ma, all’ inizio del conflitto, gli emigranti erano stati ricacciati indietro, ed avevano dovuto rientrare. Joseph sarto e Bepo emigrante muratore, si sono sbudellati, (spesso nella prima guerra mondiale vi erano degli assalti alla baionetta, mancando munizioni),  sbronzi (davano da bere grappa a coloro che andavano in prima linea) per difendere la patria ( che non sapevano cosa fosse). Che Diaz gliene renda merito, (perché nessun altro può farlo, sottinteso).

۞

Ed ancora una poesia che ha il senso di “Libers di scugni lâ”.  Si cresce come i capretti, accanto alla madre ed in libertà, ma, diventati ragazzi, si deve andar via, a cercare lavoro.

MA LA INT  NAS DISTES.

Da nô
no’nd è ce fâ
ma la int
nas
distes
cussì si cres
como zocui
in libertât
tra las cotulas
das maris
e las risclas
dai peçs
e cuant
ca si capìs
bisugne lâ.

 

Ma la gente nasce lo stesso. / Da noi/ non c’è lavoro/  ma la gente/ nasce lo stesso/ così si cresce/ come capretti/ in libertà/ tra le gonne/delle madri/ e gli aghi degli abeti/ e quando/  non si è più bambini/ bisogna andare.

LEONARDO ZANIER (Leonardo Zanier, Libers…di scugnî lâ, ed. La biblioteca del Messaggero Veneto, 2003, p. 46).

 ۞

Infine una delle poesie di Zanier più belle che abbia letto: DOMAN .

DOMAN…                                                                                                                           

doman…                                                                                                                           
no è una peraula                                                                                                          
doman                                                                                                                           
a è la sperança                                                                                                             
o vin che jê                                                                                                                    
doprìnla                                                                                                                     
fasìnla devetâ                                                                                                                
mans                                                                                                                            
vôi e rabia                                                                                                                    
e i vinçarin la poura.

 

Domani/ domani…/ non è una parola/ domani/  è la speranza/ abbiamo solo lei/ adoperiamola/ facciamola diventare/ mani/ occhi e rabbia/ e vinceremo la paura/.

LEONARDO ZANIER (Leonardo Zanier, Libers…di scugnî lâ, ed. La biblioteca del Messaggero Veneto, 2003, p. 124).

۞

Chiudo queste mie righe, ricordando che alcune poesie di Leonardo Zanier sono state musicate e vengono cantate dal bravissimo  “Canzoniere di Aiello”, e che anche Emma Montanari, accompagnata dal suo gruppo, canta Zanier in modo egregio. Inoltre ieri sera, a Colonos, ho visto un Gigi Maieron, davvero in ottima forma, colloquiare con Leo Zanier.

Infine mi chiedo come si faccia a festeggiare Leo Zanier, il nostro Leo Zanier, a Colonos – Villacaccia di Lestizza, e non in Carnia. Mancano forse gli agriturismi? Mancano forse gli spazi? Non abbiamo una sala, una “corte” ove mettere delle sedie, non abbiamo più una lira? Era o è ancora comunista, e allora … O … dimenticandoci che Leo Zanier è tradotto anche in arabo?

Ma questa è altra storia.

Laura Matelda Puppini

(La foto che correda l’articolo è di Laura Matelda Puppini ed è stata eleborata dall’autrice).

http://www.nonsolocarnia.info/wordpress/wp-content/uploads/2014/09/carnia3.jpghttp://www.nonsolocarnia.info/wordpress/wp-content/uploads/2014/09/carnia3-300x300.jpgLaura Matelda PuppiniARTE E FOTOGRAFIASabato sera, con qualche giorno di anticipo, è stato festeggiato, presso l’agriturismo Colonos a Villacaccia di Lestizza, non in Carnia, l’ottantesimo compleanno del poeta carnico ed ormai un po' zurighese Leo Zanier, che si è anche trasformato in momento di incontro conviviale. Non descrivo qui la serata, interessante e...INFO DALLA CARNIA E DINTORNI